You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Apps

×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device
Questo sito usa i cookies per l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Usando questo sito accetti che possiamo piazzare i cookies sul tuo apparecchio..

Privacy Policy

e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Il 18 Agosto l'INPS ha diramato la circolare con le istruzioni sulla presentazione delle domande per poter fruire del congedo parentale su base oraria.

Il Congedo Parentale su base oraria, introdotto con Jobs Act e poi regolamentato con il Decreto Legislativo Attuativo n. 80 del 15 giugno 2015, permette ai genitori di un figlio di età fino a 12 anni hanno diritto di astenersi dal lavoro per un periodo complessivo (considerando entrambi) di 10 mesi, che diventano 11 nel caso in cui il padre usufruisca di ameno tre, nei primi dodici mesi di vita del figlio.

Per il momento (dal 25 giugno 2015 al 31 dicembre 2015) tale norma è sperimentale ma il Ministero con un comunicato ha precisato che tale possibilità diventerà permanente.

La domanda va presentata dal genitore sia al datore di lavoro che all'INPS.

Il Congedo Parentale all'Inps può essere richiesto:

  • via web dal portale inps.it (sezione servizi-online - elenco di tutti i servizi - congedo parentale lavoratori dipendenti, autonomi, gestione separata) con pin dispositivo
  • via telefono chiamando il contact center al numero verde 803.164 (numero verde gratuito da rete fissa) o 06.164164 (da rete mobile)
  • tramite i patronati

La procedura per la presentazione delle domande prevede una richiesta per ogni singolo mese.

Il congedo a ore dà sempre diritto ai contributi figurativi anche se non indennizzato, .

Ciascun genitore, in caso di mancata regolamentazione da parte della contrattazione collettiva, può scegliere da solo tra fruizione giornaliera o oraria. Nel caso di fruizione oraria, si può arrivare alla metà dell'orario medio giornaliero del periodo di paga mensile o quadri-settimanale precedente a quello nel corso del quale è iniziato il congedo parentale.

Al congedo a ore si aggiungono quelli giornalieri e mensili, alternandone la fruizione.

E' stato finalmente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.83 del 10 aprile 2015 il decreto attuativo che permette alle famiglie italiane di presentare le domande per avere diritto al beneficio Bonus Bebè 2015.